Stati Generali della Green Economy 2020

il Consiglio Nazionale della Green Economy, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico e della Commissione europea, è lieto di invitarvi alla nona edizione degli Stati Generali della Green Economy 2020, dedicati quest’anno al tema “Il Green Deal al centro del Piano del rilancio per l’Italia – Una nuova fase per la green economy”, che si terranno il 3 e 4 novembre 2020, in modalità esclusivamente online in collegamento con Ecomondo-Key Energy Fiera di Rimini.

Il programma di dettaglio, anche quest’anno ricco di autorevoli speaker, è disponibile al seguente link:

Programma|Link

Di seguito le indicazioni utili per procedere all’iscrizione online in pochi passi, entro il 2 Novembre:

  • Accedete alla pagina di registrazionewww.statigenerali.org 
  • Inserite i vostri dati e indicate quali sessioni intendete seguire;
  • Vi siete registrati! Riceverete una mail di conferma con le info di accesso alla piattaforma digitale di Ecomondo e i link ai nostri canali dove seguire il live streaming degli Stati Generali della green economy. Riceverete anche un biglietto gratuito che dà diritto all’ingresso i giorni 3 e 4 novembre 2020, per chi volesse partecipare alla Fiera.

Bando ideeRete – Assimoco S.p.A

Il Bando ideeRete è stato emesso da Assimoco S.p.A. al fine  di supportare la Comunità nell’attuale grave situazione di emergenza sanitaria a seguito della pandemia da Covid-19. Sostenere la ripresa del tessuto sociale ed economico dei territori più colpiti dall’emergenza sanitaria, contribuire ad attivare percorsi per supportare la ripresa, favorire la ri- progettazione di attività imprenditoriali, la ri- generazione dei territori e delle comunità. Questa iniziativa vuole rappresentare uno strumento per rendere ancora più concreto il posizionamento di Assimoco S.p.A. in qualità di Società Benefit.

L’obiettivo è sostenere le realtà che intendono rigenerare comunità e territori a fronte dall’emergenza Covid, attivare capacità imprenditoriali in grado di favorire la ripartenza e mitigare le conseguenze economiche, sociali e ambientali della pandemia, attuando interventi di natura trasformativa e di lungo periodo.


In particolare, il bando intende sostenere progetti finalizzati a realizzare uno o più interventi nei seguenti ambiti:


Transizione verde

• Riqualificazione energetica del patrimonio edilizio. In coerenza con il Green Deal della Commissione Europea, al fine di raggiungere entro il 2050 l’azzeramento delle emissioni nette di CO2, in particolare attuando una riqualificazione del parco immobiliare verso un’ alta efficienza energetica, perseguendo un cambio dei sistemi di produzione di energia verso fonti rinnovabili.

• Sicurezza sismica. L’intervento ha come obiettivo la messa in sicurezza del patrimonio abitativo dal rischio sismico come: strumento di tutela dei cittadini, veicolo di abbattimento dei costi di gestione e dei consumi a regime, passaggio verso un sistema più sostenibile, occasione di rinnovamento urbano per le aree che necessitano sviluppo.

 • Sicurezza idrogeologica. In relazione all’assetto idrogeologico ovvero ad una strategia di mitigazione dei danni provocati dai cambiamenti climatici, al contenimento delle perdite della rete idrica e al miglioramento del trattamento delle acque reflue urbane.

• Mobilità sostenibile. Promuovendo lo sviluppo della mobilità elettrica e sostenendo interventi legati alla ciclabilità, pedonalità, sicurezza e intermodalità.

Trasformazione digitale

• Servizi digitali, in particolare per sostenere la resilienza delle imprese attraverso l’adozione di modalità innovative di lavoro agile che sfruttino le potenzialità delle connessioni digitali.

• Educazione e formazione digitale, per sostenere modalità innovative di supporto allo sviluppo personale e professionale attraverso modalità innovative anche a distanza.

Tutela della salute

• Sviluppo della rete delle strutture territoriali, con riferimento allo sviluppo di iniziative innovative per sostenere lo sviluppo dei punti unici di accesso ai servizi sociali e sanitari in una logica di prossimità, in particolare con l’obiettivo di assicurare tempestività nella presa in carico e continuità rispetto agli interventi assistenziali, oltre che delle centrali operative che svolgono una funzione di raccordo tra le diverse attività e servizi, coordinano e gestiscono l’attività clinico- assistenziale, anche a distanza.

Lotta alla povertà

• Sostegno alle periferie: ridurre le condizioni di marginalità e di esclusione sociale delle persone e famiglie nelle periferie. I progetti possono essere riconducibili ad approcci di eco-quartieri, città resilienti, ‘città dei 15 minuti’, programmi di sviluppo socioculturale.


• Economia circolare in ambito agroalimentare: adottare nuove soluzioni di riduzione degli sprechi e modelli di economia circolare, tali anche da favorire l’incremento occupazionale dei giovani under 35, più colpiti dalla pandemia (secondo i dati Istat a maggio 2020, solo il 23% della popolazione under 35 sta continuando a lavorare, contro un dato del 39,4% pre- pandemia).

 Chi può presentare

Sono ammessi enti profit, che evidenzino il perseguimento di un agire responsabile dell’attività d’impresa, ed enti non profit.
Sono soggetti ammissibili al presente bando enti già costituiti al momento della candidatura, oppure enti non ancora costituiti (startup o spin-off di soggetti giuridici già esistenti) che presentino progetti di natura trasformativa e di rilancio coerenti con gli obiettivi perseguiti dal presente bando.

Progetti ammissibili e contributo

I progetti presentati dovranno obbligatoriamente essere realizzati all’interno del territorio italiano, dimostrare coerenza rispetto agli obiettivi illustrati nel presente bando dando luogo a interventi di natura trasformativa e di lungo periodo. I progetti inoltre dovranno avere una durata massima compresa fra i 18 e i 24 mesi.


Ogni ente o partenariato potrà richiedere un contributo non inferiore ai 50.000 euro. È definito altresì un limite massimo di richiesta di contributo, pari a 90.000 euro per singolo progetto.


Il contributo richiesto potrà essere pari al 80% delle risorse finanziarie previste per l’attuazione del progetto. Si precisa inoltre che il contributo sarà erogato sulla base dell’avanzamento delle attività progettuali ed in base ad un piano lavori condiviso con Assimoco ed i soggetti vincitori del presente bando Il budget totale a disposizione del presente bando ammonta a 650.000 euro.


Le richieste di contributo devono essere formalizzate esclusivamente on-line a partire dal 22 ottobre e fino al 28 febbraio 2021 attraverso il sistema informatico messo a disposizione da Assimoco 

Per maggiori informazioni:

Pagina del bando

Regolamento

Allegati

Smart Manufacturing Matchmaking 2020

Vi invitiamo a partecipare allo Smart Manufacturing Matchmaking 2020 – Virtual edition, un’opportunità per incontrare manager, ricercatori e enti pubblici che lavorano nell’area dello Smart Manufacturing e dell’Industria 4.0

A causa dell’emergenza sanitaria causata dal Covid – 19, SMM2020 – Virtual edition si terrà interamente online dal 18 al 20 novembre con i seguenti eventi:

  • Brokerage Event @SMM2020 – evento di matchmaking online con incontri 1:1.
    Tutti gli incontri 1:1 dell’evento di Brokerage si terranno online attraverso il sito web dell’evento. Non è necessario alcun software aggiuntivo, solo un browser web aggiornato, un microfono e una webcam.
    Le registrazioni sono aperte su: https://smm2020.b2match.io/
    Al 20 di ottobre ci sono oltre 270 partecipanti da 37 nazioni diverse.
     
  • Webinar 4.0 @SMM2020 –  Webinar tenuti da specialisti ed inerenti ai temi di SMM2020.
    Al momento è possibile partecipare ai seguenti Webinar (altri sono in via di definizione):
  • Virtual Company Mission @SMM2020 – consistono in presentazioni online di un prodotto o servizio da un’azienda/gruppo di ricerca ad altre che hanno manifestato interesse al tema proposto. Alla fine delle presentazioni, ci saranno incontri 1:1 programmati.
    Al momento è possibile partecipare alle seguenti Virtual Company Mission (altre sono in via di definizione):
  • World Investment @SMM2020 – iniziativa per favorire l’incontro tra domanda ed offerta di investimenti per progetti innovativi.  Aziende e startup sottopongono progetti innovativi tramite piattaforma online allegando un breve pitch di presentazione. Tutte le proposte riceveranno una risposta da parte di advisor esperti, a quelle valutate di essere subito potenzialmente finanziabili verrà proposto un meeting online dove presenteranno il pitch sottomesso agli advisor.

Per partecipare a Webinar 4.0, Virtual Company Mission e World Investment, le registrazioni sono aperte su: https://smm2020.eu/. La registrazione è unica, registrandosi gratuitamente in una delle sezioni della piattaforma di SMM2020, è possibile partecipare a tutti gli eventi presenti.

Nei riquadri sottostanti si trovano maggiori dettagli sulle Virtual Company Mission e sui Webinar già attivi sulla piattaforma.

SMM2020 – Virtual Edition può essere seguito sui seguenti canali:
Websitehttps://www.smm2020.eu/
Telegramhttps://t.me/spin_srl_smm2020/
Facebookhttps://www.facebook.com/Smm2020-121878596267355/
LinkedIn:https://www.linkedin.com/events/smartmanufacturingmatchmaking2020-virtualedition/

Al Polo NET Intelligenza Artificiale per la prevenzione da Covid-19

Intelligenza artificiale per prevenire il diffondersi del contagio del Covid-19.

Revelis, start up di Rende (CS) e associata al POLO NET di Crotone AMBIENTE E RISCHI NATURALI, lancia iGuard, una tecnologia per il rilevamento automatico dell’uso della mascherina e la misurazione della distanza sociale tra individui in ambienti indoor, a costi accessibili.

La tecnologia è in grado di segnalare la presenza di soggetti privi di mascherina e il mancato rispetto delle distanze di sicurezza previste all’interno di spazi lavorativi, avvisando, con un segnale sonoro o con un alert video, del mancato rispetto delle misure di sicurezza.

Il Polo Net ambiente e rischi naturali, presso la propria sede di Crotone, si è dotato di questo dispositivo ed è disponibile ad informare Enti ed aziende che ne faranno richiesta sulle funzionalità e caratteristiche di questa innovativa applicazione dell’intelligenza artificiale”.

Chiuso con successo l’Internet Governance Forum (IGF) 2020

SI è concluso l’Internet Governance Forum (IGF) 2020 organizzato in modalità virtuale da Unioncamere, Camera di commercio di Cosenza ed InfoCamere. Sono stati tre giorni intensi (7, 8 e 9 ottobre) di incontri , tavole rotonde, workshop e presentazioni. Interessanti non solo i contenuti, ma anche le modalità di partecipazione che hanno permesso a migliaia di utenti, di partecipare alle sessioni parallele passando da Milano a Firenze e a Torino secondo le proprie inclinazioni ed i propri interessi indipendentemente dalle distanze.

Uno screenshot della plenaria dalla sede romana di UNIONCAMERE

NET ha seguito con costanza e grande interesse i contenuti presentati nel corso dei tre giorni di forum. I contenuti sono stati analizzati e trattati a 360° secondo i principi di etica, considerandone gli aspetti sociali, quelli tecnici e quelli commerciali. L’evento ha offerto certamente chiarimenti su numerosi aspetti legati ad Internet, ma soprattutto ha fornito numerosi ed interessanti spunti di riflessione su Fake News, e-commerce, Social network, smart working, identità digitale, competenze digitali, Open Source, sicurezza, privacy, governance dei dati e diritti digitali.

Martinelli SIlvia relatrice nella sesione parallela “PRIVACY ED E-COMMERCE”

I primi relatori ospitati giorno 7 hanno dato all’IGF un respiro internazionale inoltre estremamente lungimirante è stato il coinvolgimento e lo spazio lasciato ai giovani coinvolgendo l’Youth IGF Italy nel wokshop dal titolo “I GIOVANI E L’INTERNET GOVERNANCE: SFIDE E OPPORTUNITÀ’”.

La dott.ssa Debora Barletta Vice-Presidente di Apice

Impossibile elencare tutti i relatori che hanno arricchito e contribuito a realizzare questi tre giorni di intenso lavoro ed è decisamente difficile sintetizzare in un breve post quanto trattato nei vari talk dai numerossisimi relatori che si sono susseguiti, tuttavia file rouge di tutti gli interventi è stata la constatazione dell’importanza di migliorare la copertura delle infrastrutture tecnologiche sul territorio italiano per garantire il diritto ad Internet a tutti, rafforzare il supporto alla digitalizzazione delle aziende e promuovere la formazione dei cittadini in genere.

Percentuali della diffusipone delle competenze digitali in Italia

In più occasioni è stata infine sottolineata la necessità di formare adeguatamente i cittadini sulle competenze digitali di base ancora decisamente carenti. Solo il 42% della popolazione possiede infatti queste competenze digitali di base e solo il 22% dispone di competenze digitali avanzate. Ignorare questo problema si traduce nel lasciare fuori dai meccanismi di democrazia globale la gran parte della gente incapace di partecipare alla vita vita pubblica e di interagire con la pubblica amministrazione.

La dott.ssa Emanuela Girardi in un momento della chiusura dei lavori

A conclusione dell’evento si è svolta la premiazione di quatrro imprese nell’abito dei PROGETTI FUTURAE E TOP OF THE PID-IGF durante la quale è stata intervistata “one-to-one” la Ministra del lavoro e delle politiche sociali Nunzia Catalfo con la giornalista RAI Giancarla Rondinelli e Massimo Guasconi (Presidente DINTEC).

Ministra del lavoro e delle politiche sociali Nunzia Catalfo
Un momento della premiazione
Un altro momento della premiazione

Resta aperta ed opinabile la conclusione proposta da qualcuno che la rete vada regolamentata a tutti i costi. Voler trasferire le regole del mondo reale in quello virtuale e trattare Internet come se fosse tutto già definito e quindi senza ancora avere un’idea precisa di cosa sarà Internet nel futuro potrebbe rallentarne l’evoluzione e ridurre la rete ad una psudo-copia del mondo reale. Internet è probabilmente ancora lontano dall’essere totalmente definito, ma certamente non può essere descritto con le conoscenze attuali. La stessa terminologia a nostra disposizione è oggi ancora mancante delle parole che si conieranno nel futuro. Lo dimostra il fatto che fino a qualche anno fa termini come identità digitale, smart-city, web analytics, smart-working ecc. non esistevano proprio. Ovviamente ben vengano le regole che garantiscono la libertà dei cittadini e che quindi non la limitino, ma l’augurio è che il mondo reale di giuristi, antropologi, avvocati che sta studiando Internet e che deciderà di mettere paletti non crei una nuova inquisizione e sotterri lo spirito di chi Internet lo ha in qualche modo creato. Perché benché si associno sempre gli aspetti tecnici agli informatici dietro la nascita e l’evoluzione di Internet ci sono volutamente scopi sociali, umanitari, altruistici. Non è un caso che l’idea di copyleft, in contrapposizione al concetto di copyright (nato per controllare le opere pubblicate nel territorio nazionale inglese), sia di un informatico (Richard Stallman – Manifesto GNU, nel 1985). Permessi dunque e non divieti ed ancora prima delle regole gli sforzi di tutti gi operatori devono essere rivolti all’educazione dei cittadini perché accrecascano le loro conoscenze, fortifichino le loro capacità critiche per effettuare scelte consapevoli.

Il Polo NET resta quindi in attesa della nuova edizione dell’IGF nella speranza che le problematiche emerse nel corso dell’evento siano state nel frattempo risolte e si impegna perché ciò avvenga, lavorando con impegno e mettendo a disposizione le proprie competenze.

Intervista finale con moderatrice Giancarla Rondinelli

Energia, incentivo per l’autoconsumo e le comunità energetiche da fonti rinnovabili: firmato dal Ministro Patuanelli il decreto attuativo

Il Ministro dello Sviluppo economico,  ha firmato il decreto attuativo che definisce la tariffa con la quale si incentiva la promozione dell’autoconsumo collettivo e le comunità energetiche da fonti rinnovabili, al fine di favorire la transizione energetica ed ecologica del sistema elettrico del nostro Paese, con benefici ambientali, economici e sociali per i cittadini.

“Con grande soddisfazione ho firmato oggi il decreto che introduce un incentivo a sostegno delle comunità energetiche e dell’autoconsumo”, dichiara il Ministro Patuanelli. “Si tratta di una svolta importante – aggiunge – che consentirà di sviluppare ulteriormente nel nostro Paese la produzione di energia da fonti rinnovabili, permettendo al contempo ai cittadini, alle PMI, agli enti locali di consumare l’energia che producono”.

Il provvedimento rende, infatti, operativa una misura introdotta nel dicembre 2019 con il decreto Milleproroghe, che anticipando l’attuazione di una direttiva europea consente di costituire l’autoconsumo collettivo, attivabile da famiglie e altri soggetti che si trovano nello stesso edificio o condominio, e le comunità energetiche, a cui possono partecipare persone fisiche, PMI, enti locali, ubicati in un perimetro più ampio rispetto a quello dei condomini.

La misura è strutturata per promuovere l’autoconsumo condiviso, anche tramite l’impiego dei sistemi di accumulo.

La tariffa per l’energia autoconsumata sarà pari rispettivamente a:

  • 100 €/MWh per le configurazioni di autoconsumo collettivo;
  • 110 €/MWh per le comunità energetiche rinnovabili.

L’incentivo, riconosciuto per un periodo di 20 anni e gestito dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE), è cumulabile con il Superbonus al 110% nei limiti previsti dalla legge e punta a trasformare l’attuale sistema elettrico centralizzato, alimentato da combustibili fossili, in un sistema decentrato ed efficiente, alimentato con energie pulite, inesauribili e non inquinanti.

Bando di gara “Green Deal europeo”: 1 miliardo di € di investimenti per dare impulso alla transizione verde e digitale

La Commissione europea ha deciso oggi di indire un bando di gara da 1 miliardo di € per progetti di ricerca e innovazione che affrontino la crisi climatica e contribuiscano a proteggere gli ecosistemi e la biodiversità peculiari in Europa. Il bando “Green Deal europeo” finanziato da Orizzonte 2020, a cui ci si potrà iscrivere da domani, darà impulso alla ripresa europea dalla crisi del coronavirus trasformando le sfide sul fronte ambientale in opportunità di innovazione.

Mariya Gabriel, Commissaria responsabile per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, ha dichiarato: “Questo bando da 1 miliardo di € sarà l’ultimo nel quadro di Orizzonte 2020, ma anche il più corposo. Si tratta di un investimento incentrato sull’innovazione che imprimerà un’accelerazione alla transizione giusta e sostenibile verso un’Europa a impatto climatico zero entro il 2050. Poiché in questa trasformazione sistemica non vogliamo lasciare indietro nessuno, siamo interessati ad azioni specifiche per interagire in modi nuovi con i cittadini e dare più rilievo agli aspetti sociali.

Il bando “Green Deal europeo” presenta notevoli differenze rispetto ai suoi predecessori nell’ambito di Orizzonte 2020. Data l’urgenza delle sfide a cui risponde, punta a risultati chiari e tangibili nel breve e nel medio periodo, perseguendo però una visione di cambiamento a lungo termine: meno azioni ma più mirate, grandi e visibili, con particolare attenzione alla pronta scalabilità, diffusione e penetrazione.

I progetti finanziati con questo bando dovrebbero apportare benefici tangibili in dieci settori:

otto settori tematici che rispecchiano i principali filoni d’intervento del Green Deal europeo:

  1. accrescere l’ambizione in materia di clima – sfide transettoriali;
  2. energia pulita, economica e sicura;
  3. industria per un’economia circolare e pulita;
  4. edifici efficienti sotto il profilo energetico e delle risorse;
  5. mobilità sostenibile e intelligente;
  6. strategia “Dal produttore al consumatore”;
  7. biodiversità ed ecosistemi;
  8. ambiente privo di sostanze tossiche e a inquinamento zero;

due settori orizzontali – rafforzamento delle conoscenze e responsabilizzazione dei cittadini – che offrono una prospettiva più a lungo termine per realizzare le trasformazioni delineate nel Green Deal.

Questo investimento di 1 miliardo di € continuerà a sviluppare i sistemi e le infrastrutture europee delle conoscenze. Il bando offre anche opportunità di cooperazione internazionale per rispondere alle esigenze dei paesi meno sviluppati, soprattutto in Africa, nel contesto dell’accordo di Parigi(link is external) e degli obiettivi di sviluppo sostenibile(link is external) (OSS).

Il termine per la presentazione delle offerte è il 26 gennaio 2021. L’avvio dei progetti selezionati è previsto nell’autunno 2021.

Un evento informativo e di incontro sul bando di gara “Green Deal europeo” di Orizzonte 2020 è in programma durante le Giornate europee della ricerca e dell’innovazione, che si terranno in forma virtuale dal 22 al 24 settembre 2020.

Contesto

Il Green Deal europeo definisce il piano e la tabella di marcia della Commissione europea per rendere l’Europa il primo continente climaticamente neutro entro il 2050, con un’economia sostenibile che non lasci indietro nessuno. 

Per raggiungere l’obiettivo 2050 serviranno interventi in tutti i settori economici, tra cui:

  • investimenti in tecnologie rispettose dell’ambiente;
  • sostegno all’innovazione industriale;
  • introduzione di forme di trasporto pubblico e privato più pulite, più economiche e più sane;
  • decarbonizzazione del settore energetico;
  • miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici;
  • collaborazione con i partner internazionali per migliorare gli standard ambientali mondiali.

Maggiori informazioni

Scheda informativa: bando di gara “Green Deal europeo” di Orizzonte 2020

Portale degli appalti e dei finanziamenti

Ricerca e innovazione per il Green Deal europeo

Bando Diagnosi energetiche e Certificazioni ISO 50001: domande dal 23 settembre

La Camera di commercio di Reggio Calabria, tramite la sua Azienda Speciale IN.FORM.A., intende accrescere e stimolare la propensione delle imprese reggine verso un modello di sviluppo produttivo green driven orientato alla qualità e alla sostenibilità. La sostenibilità ambientale, declinata opportunamente verso interventi di risparmio energetico, oltre a introdurre in azienda soluzioni tecnologiche a minore impatto ambientale, incide positivamente anche sui costi aziendali portando a risparmi stimati intorno al 30%.

Il bando prevede uno stanziamento complessivo di € 52.000,00, di cui 15.000,00 euro destinati alle imprese del settore turistico.

DESTINATARI
Imprese con sede e/o unità operativa nella Città Metropolitana di Reggio Calabria; attive da almeno 2 anni, in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di commercio di Reggio Calabria e in regola con il pagamento del diritto annuale camerale; che abbiano assolto gli obblighi contributivi (DURC regolare); che non si trovino in uno dei motivi di esclusione dalla partecipazione alle procedure di appalto o concessione previsti dall’art. 80 comma 1 del Dlgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.; che operino nei settori economici non esclusi dal regime de minimis.

ENTITA’ DEL CONTRIBUTO E INTERVENTI AGEVOLABILI
Il contributo consiste in un apporto a fondo perduto erogato in un’unica soluzione a copertura del 70% delle spese ammissibili, al netto dell’iva, per la realizzazione deI seguenti interventi:
– max € 3.500 per la realizzazione della Diagnosi energetica;
– max € 5.600 per l’adozione di un sistema di gestione dell’energia conforme alla ISO 50001.
Ogni impresa potrà essere ammessa a un solo contributo

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE
Le domande di partecipazione dovranno essere presentate a partire dalle ore 9.00 del giorno 23 settembre 2020 e fino alle ore 19.00 del 15 ottobre 2020.
Le imprese che intendono partecipare al bando devono inviare la domanda, corredata dalla documentazione richiesta, in formato pdf, firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa, esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) dell’impresa richiedente all’indirizzo informa@rc.legalmail.camcom.it, indicando nell’oggetto della mail la dicitura: “Bando Energia 2020”, unitamente alla denominazione dell’impresa candidata.

VALUTAZIONE DELLE DOMANDE
Per le domande di contributo pervenute è prevista una procedura a sportello (di cui all’art. 4 del D.lgs. 31 marzo 1998, n. 123) secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda (attestato dalla data e dall’orario della RAC – ricevuta di avvenuta consegna).

Il BANDO e i facsimile della MODULISTICA sono scaricabili dai link a fondo pagina.

http://www.informa.calabria.it/P42A1064C564S560/Bando-Diagnosi-energetiche-e-Certificazioni-ISO-50001–domande-dal-23-settembre.htm

Internet Governance Forum Italia 2020

Unioncamere Calabria aderisce e promuove l’Internet Governance Forum Italia 2020, che si svolgerà dal 7 al 9 Ottobre p.v. e sarà organizzato da Unioncamere, Infocamere e Camera di commercio di Cosenza.

IGF Italia è la piattaforma di dibattito multi-stakeholder sui temi e le priorità Internet Governance. Il forum è condotto in conformità ai principi internazionali indicati dalle Nazioni Unite di apertura, inclusione, trasparenza e segue un approccio dal basso.

IGF Italia persegue l’obiettivo di creare una base comune di conoscenze al fine di massimizzare le opportunità offerte da Internet, minimizzarne i rischi e riportare i risultati del dibattito nazionale nel corso dell’evento IGF internazionale coordinato dal MAG IGF (Multistakeholder Advisory Group, ONU).

A causa dell’emergenza dovuta al COVID-19, l’evento quest’anno si svolgerà in modalità virtuale.

Il Programma, con la lista preliminare delle sessioni, è disponibile alla pagina: http://www.igfitalia2020.it/ e sarà aggiornato man mano che gli interventi dei relatori invitati saranno confermati.

Sarà presente, tra gli altri, il Ministro Paola Pisano. L’iniziativa ha ricevuto tra gli altri, anche il patrocinio del Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione.

Il sistema camerale per la prima volta sarà pienamente coinvolto sia nell’organizzazione formale dell’evento che negli interventi qualificati all’interno delle varie giornate del Forum.
Le sinergie naturali tra le Camere di commercio e l’infrastruttura tecnologica garantita da Infocamere fanno dell’organizzazione dell’edizione 2020 di IGF Italia un unicum in tutta Europa. 

I Punto Impresa Digitale delle Camere di Commercio d’Italia saranno coinvolti nell’animazione dell’iniziativa.

Registrazione

  • Si potrà partecipare online alle conferenze e ai tavoli di lavoro attraverso la Piattaforma Zoom.
  • Tutte le sessioni saranno videoregistrate. La partecipazione implica accettazione della videoregistrazione.
  • Prima dell’iscrizione, consulti l’Informativa sulla Privacy che può scaricare qui: Informativa Privacy application/pdf (292,99 kB).
  • Le iscrizioni sono aperte fino al 30 Settembre
  • Per accedere al modulo di registrazione cliccare qui (LINK).

Premio “TOP of the PID 2020 – Re-Start

E’ stata istituita, inoltre, una settima categoria “Internet e Re-start” all’interno del Premio “TOP of the PID 2020 – Re-Start” che punta a premiare le imprese che attraverso internet hanno operato la ripartenza.  A tal proposito la scadenza del bando è stata prorogata fino al 30 settembre p.v. e la premiazione dell’impresa sarà fatta a margine di uno degli eventi in programma di IGF Italia 2020.

Per ulteriori informazioni sulla partecipazione a IGF Italia 2020 e per candidarsi al Premio “TOP of the PID 2020 – Re-Start” rivolgiti a:

Unioncamere Calabria

Area promozione  e relazioni esterne

E-mail areapromozione@unioncamere-calabria.it

Una Roadmap climatica per l’Italia

Si diffonde l’invito alla prima Conferenza nazionale sul Clima 2020  “Una roadmap climatica per l’Italia – Fare della neutralità carbonica l’asse portante del Recovery Plan”, organizzata da Italy for Climate, il network promosso dalla Fondazione e da un primo gruppo virtuoso di imprese (Chiesi, Conou, Davines, e2i, ERG, illy, ING), che si svolgerà in modalità live streaming, articolata su due date, il 13 e 16 ottobre 2020.
 

La Conferenza, organizzata in preparazione della COP26, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e di ENEA, in collaborazione con Regeneration 20|30, è articolata in due sessioni:

  • La Sessione istituzionale, il 13 ottobre, dalle ore 10.00 alle ore 12.30, modalità Live streaming, in lingua italiana.
    La sessione vedrà la presentazione della Roadmap italiana per il clima – proposta da Italy for Climate – per raggiungere l’obiettivo della neutralità carbonica entro metà del secolo e un dibattito con i rappresentanti istituzionali nazionali e internazionali in merito alle possibili misure da adottare per allineare il Recovery plan a tale obiettivo.
  • La Sessione con le imprese, il 16 ottobre pomeriggio, modalità live streaming, in lingua inglese.
    Questa sessione si svolgerà in occasione del summit globale Regeneration 20|30, con l’obiettivo di avviare un confronto tra le imprese sul tema dell’Azione per il clima per modificare i modelli di business verso la neutralità carbonica.


Per partecipare e per ricevere le informazioni sulle modalità di collegamento e il programma di dettaglio, vi invitiamo a registrarvi al seguente link:

https://fondazioneperlosvilupposostenibile.wufoo.com/forms/una-roadmap-climatica-per-litalia