Dal 01 giugno COREVE e POLO NET lanciano la campagna di comunicazione TRASPARENTI COME IL VETRO

“TRASPARENTI COME IL VETRO” è il nuovo claim che accompagnerà il progetto di comunicazione nato dalla collaborazione tra COREVE – Consorzio Recupero Vetro – e il POLO NET di Crotone con il patrocinio del Ministero della Transizione Ecologica, finalizzato alla sensibilizzazione sui temi del riciclo del vetro e del rispetto dell’ambiente.

Questa attività di comunicazione fortemente voluta dal Consorzio del Vetro è dedicata a Crotone e ha lo scopo di sensibilizzare, informare e formare sulla qualità del VETRO. Il lancio è avvenuto attraverso il posizionamento di un pannello nell’area antistante il lungomare di Crotone, precisamente su piazzale ultrà, ma le attività di comunicazione saranno diversificate e a partire dall’autunno sarà distribuita una brochure agli alunni delle scuole. Il layout concepito per dare forma alla “trasparenza” mostra la Calabria attraversata da 3 località di mare: Le Castella, Tropea e Chianalea e da 2 oggetti: la bottiglia e il vasetto che rappresentano gli oggetti di uso comune del vetro e che, per poter essere correttamente recuperati, devono essere conferiti nelle apposite campane.

“Abbiamo aderito con entusiasmo a questo progetto in quanto siamo convinti che si possa e si debba migliorare la raccolta del vetro nei Comuni del Sud.  Questa campagna di comunicazione mira ad aumentare la raccolta del vetro e quindi il suo recupero in modo da poter raggiungere sempre maggiori risparmi in termini di energia e materie prime. Crediamo che l’informazione continua e mirata possa fare la differenza per aumentare la conoscenza dei materiali e l’attenzione dedicata dai cittadini ad effettuare correttamente a casa la differenziazione dei rifiuti” Gianni Scotti Presidente Coreve

“Calabria, Crotone, mare, vetro sono gli ingredienti di questa nuova campagna di comunicazione del POLO NET che attraverso il marketing territoriale si pone l’obiettivo di aumentare e migliorare il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei cittadini nella differenziata del Vetro. Coreve e Ancitel hanno fortemente creduto in questa nuova campagna di sensibilizzazione ambientale. La raccolta deve essere incrementata e tutte le filiere ben organizzate e gestite. I cittadini devono fare la loro parte ma le amministrazioni pubbliche devono fornire i servizi necessari ed incrementare le percentuali di raccolta. Il nostro futuro, il futuro della nostra TERRA è nelle NOSTRE mani.”

Luigi Borrelli Presidente POLO NET.

Avviata la mostra “Le korai di Medma tra di noi”

Avviata la mostra “Le korai di Medma tra di noi”

Il 22 febbraio è stata aperta la mostra “Le korai di Medma tra di noi” dove il Polo Net partecipa presentando il progetto living lab “Medma in ambiente di Mito” in corso di realizzazione nel comune di Rosarno. La mostra disponibile fino al 9 aprile 2022 è ospite presso l’ACCADEMIA D’UNGHERIA IN ROMA ed l’ÉCOLE FRANÇAISE DE ROME 24.

INVITO INAUGURAZIONE MOSTRA “Le korai di Medma tra di noi” 23 febbraio ore 16:00

L’École française de Rome ha il piacere di invitarLa all’inaugurazione della mostra
Les Dames de Medma chez nous. Les offrandes d’un sanctuaire grec restituées par la photomodélisation

Le korai di Medma tra di noi. Gli ex voto di un santuario greco restuititi tramite fotomodellazione

mercoledi 23 febbraio alle ore 16:00

presso la Galleria dell’École française de Rome (Piazza Navona 62) e a seguire all’Accademia d’Ungheria (via Giulia 1)
La presente mostra sarà aperta fino al 9 aprile 2022.
R.S.V.P entro il 20 febbraio 2022 tramite il formulario seguente: https://www.eventbrite.it/e/265778870757
(posti limitati)

Gli ospiti sono pregati di presentare il Green Pass rafforzato. È obbligatorio indossare la mascherina.
Mostra a cura di: Ágnes Bencze (Università Cattolica Péter Pázmány di Budapest, centro di ricerca CeRCoLoc) e Franco Prampolini (Università Mediterranea di Reggio Calabria, Laboratorio SuMMA)

Con la collaborazione di: Soprintendenza ABAP Reggio Calabria-Vibo Valentia, Università Mediterranea di Reggio Calabria, Università Cattolica Péter Pázmány, Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, Accademia Nazionale dei Lincei, Dipartimento Patrimonio Architettura Urbanistica dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, CeRCoLoc – Centro di Ricerche sulle Colonie Locresi dell’Università Cattolica Péter Pázmány
La classe più nota dei reperti archeologici rinvenuti nel territorio dell’antica Medma, l’odierna Rosarno (Calabria), è senz’altro quella delle statuette di terracotta, presentate al mondo scientifico in termini professionali per la prima volta da Paolo Orsi, nel 1914, ma già in circolazione sul mercato antiquario europeo e oltremare dalla fine dell’Ottocento. Testimoni di un gusto plastico originale e nello stesso tempo strettamente legato alla cultura visiva greca del tardo arcaismo e del periodo classico, le statuette, grandi busti e protomi, hanno conquistato i musei del mondo con la loro varietà e coerenza stilistica. Manca però tuttora uno studio basato sulla documentazione esaustiva dei complessi archeologici che ne rappresentano il contesto.
La mostra presenta al pubblico un aspetto metodologico – la digitalizzazione e fotomodellazione in 3D – di un progetto di ricerca, avviato nel 2017, che ha come scopo la catalogazione e lo studio sistematico dei materiali rinvenuti da Orsi nella stipe votiva di Contrada Calderazzo, a Rosarno.
Per saperne di più →

Le korai di Medma tra di noi – Roma 24 FEB – 9 APR 2022

ROMA – ACCADEMIA D’UNGHERIA IN ROMA ed ÉCOLE FRANÇAISE DE ROME 24 FEBBRAIO – 9 APRILE 2022

A partire dal 22 febbraio e fino al 9 aprile 2022 sarà possibile visitare la mostra “Le korai di Medma tra di noi” dove il Polo Net partecipa presentando il progetto living lab “Medma in ambiente di Mito” in corso di realizzazione nel comune di Rosarno.

La mostra curata dalla Professoressa Ágnes Bencze dell’Università Cattolica Péter Pázmány, Budapest, CERCOLOC e dal Professor Franco Prampolini dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, dipartimento Patrimonio Architettura Urbanistica presenta gli ex voto di un santuario greco restituiti tramite fotomodellazione ed è ospitata, in contemporanea, presso due sedi L’Accademia d’Ungheria in Roma Palazzo Falconieri, via Giulia 1 e presso l’École française de Rome Piazza Navona 62.


Race to Resilience: La sfida di Regioni e città in un clima che cambia.

Anche NET ha deciso di aderire e partecipare al webinar di approfondimento sulla campagna delle Nazioni Unite Race to Resilience, promosso e realizzato da Italy for Climate e Green City Network, in collaborazione con l’Ambasciata Britannica in Italia.

“Race to Resilience: la sfida di Regioni e città in un clima che cambia” si svolgerà il prossimo 8 febbraio dalle ore 15.00 alle 17.00 su piattaforma zoom.
Il webinar ospiterà alcune organizzazioni che lavorano a fianco dei territori per promuovere l’adattamento climatico, per confrontarsi sulle prospettive, le possibili criticità ed i percorsi attuativi dei territori ascoltando l’esperienza diretta di alcune Regioni e città italiane su questo tema e per presentare alle amministrazioni la campagna globale Race to Resilience.

Race to Resilience è la campagna delle Nazioni Unite per promuovere la resilienza climatica e catalizzare gli sforzi di tutti gli attori non governativi – enti locali, imprese, università, investitori, cittadini – per un mondo più resiliente di fronte alla crisi climatica in corso.

Entrare in Race to Resilience rappresenta un’occasione unica per Regioni e Città italine per far parte della più importante alleanza globale.

Si può entrare a fare parte della campagna Race to Resilience aderendo ad una delle iniziative partner ufficiali ed integrando la resilienza climatica all’interno dei propri obiettivi strategici.

Finanza Etica contro il cambiamento climatico: una sfida possibile?

Contrastare il cambiamento climatico è la sfida chiave del nostro tempo. Possibile anche con la finanza etica?

Banca Etica promuove un evento on line aperto a tutti

Giovedì 17 febbraio alle 18.15 on line.

Nel corso dell’evento si parlerà del Contrasto al cambiamento climatico come sfida chiave del nostro tempo.

Dal momento che non esistono risorse infinite in un Pianeta finito, urge una transizione verso una strategia responsabile che investa tutti gli ambiti, compreso il risparmio e il credito. Ognuno di noi può investire per cambiare il corso degli eventi e ci sono tutti gli strumenti per farlo. Ma contrastare il cambiamento climatico è possibile anche quando imprese e organizzazioni richiedono un finanziamento.

Tommaso Rondinella – Responsabile dell’Ufficio Modelli di Impatto e Valutazione Socio Ambientale di Banca Etica – e Francesca Colombo – Responsabile Analisi e Ricerca di Etica Sgr ci illustreranno una possibile strada per affrontare il cambiamento climatico da un punto di vista finanziario.

Interverrà anche Maurizio Fedeli, Vice Responsabile Area Partner Commerciali di Etica Sgr.

Modera Guido Accardo, Ufficio Patrimoni Responsabili di Banca Etica.

Ulteriori infomazioni e registrazioni a questo link