III Sciopero Globale per il Clima anche a Reggio Calabria

Si terrà il prossimo venerdì 27 settembre, in tutto il mondo, il 3° Sciopero Globale per il Clima, organizzato dal movimento Fridays for Future. Il movimento torna a chiedere misure urgenti per dimezzare le emissioni di CO2 ed evitare così un aumento di 1,5°C della temperatura media globale.

“L’IPCC prevede che, se continuiamo al ritmo attuale e superiamo di 1,5°C l’aumento di temperatura media globale rispetto al periodo pre-industriale – si legge sul sito web del movimento – vari feedback loops (meccanismi irreversibili, come ad esempio lo scioglimento del permafrost) entreranno in azione provocando un improvviso aumento della temperatura”. “A quel punto – continua il comunicato del movimento – la situazione sarebbe totalmente fuori controllo e nessun intervento umano sarà più possibile”. “Per evitare questo rischio concreto, dobbiamo dimezzare le emissioni globali di CO2 entro il 2030 e azzerarle entro il 2050”.

Il movimento chiede un “cambio di paradigma per garantire un futuro alle prossime generazioni” perché “il consumo irresponsabile delle risorse del pianeta sta causando danni che ricadono su tutti i suoi abitanti”.

il 27 settembre il terzo sciopero mondiale per il clima si terrà anche a Reggio Calabria, che si unirà alle migliaia di città che manifesteranno in tutto il mondo portando in piazza milioni di persone. Il gruppo locale di Fridays for Future di Reggio Calabria ha infatti organizzato un corteo a cui è invitata tutta la cittadinanza, dagli studenti ai lavoratori e tutti coloro che hanno a cuore il tema o che vogliono informarsi su tale problematica. Allo sciopero della città di Reggio Calabria hanno aderito molte associazioni a riprova del fatto che il tema dell’emergenza climatica ci tocca tutti in prima persona, mentre a livello nazionale Flc-Cgil, Cobas, Unicobas hanno indetto sciopero dalle attività ordinarie per questa data, confermando la loro vicinanza all’evento.

Maggiori informazioni al link dell’evento:

https://www.facebook.com/events/426011418262265/

Fridays for Future (in italiano Venerdì per il futuro) è un movimento studentesco nato nell’autunno del 2018, ispirato dalla lotta della sedicenne svedese Greta Thunberg. Questa giovane adolescente era rimasta colpita dalle grandi ondate di calore che hanno colpito la Scandinavia nell’estate del 2018, a cui erano seguiti incendi senza precedenti.

Il movimento chiede ai governi di tutto il mondo che vengano prese misure urgenti e drastiche per contenere l’emissione di gas serra nell’atmosfera. Secondo una enorme quantità di studi scientifici infatti, il rapido aumento della concentrazione di CO2 nell’atmosfera, a seguito delle attività umane, sta causando un cambiamento climatico che, nel giro di pochi decenni, potrebbe trasformare il pianeta.

Cambiamenti climatici : Summit ONU a settembre 2019

Si è concluso oggi 8 agosto 2019 la cinquantesima sessione dell’IPCC (Intergovernmental Panel on ClimateChange), il braccio scientifico dell’ONU, che si occupa dei Cambiamenti Climatici, insignito del Premio Nobel nel 2007 per l’apporto scientifico fornito su di un tema che ormai da tempo affligge l’intera umanità.

Nel suo intervento il Segreterio generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha ribadito l’urgenza di agire immediatamente perché il clima è già cambiato, se si pensa che il mese di giugno 2019 è stato il mese più caldo di sempre, che l’anno 2019 sarà probabilmente tra i cinque anni più caldi di sempre e che il periodo 2015-2019 verrà ricordato come il quinquiennio più caldo di sempre.

Il segretario generale ha anche ricordato che il 23 settembre prossimo ha convocato un vertice sul clima, che sarà preceduto il 21 da un summit dei giovani sull’argomento. Guterres ha di nuovo invitato gli Stati nazionali a presentarsi al vertice di settembre con piani concreti e ambiziosi per ridurre le emissioni di gas serra del 45% da qui al 2030. E arrivare a bandire il carbone al 2050.

I risultati del  meeting IPCC appena concluso, saranno pubblicati in un rapporto sulla relazione esistente tra cambiamenti climatici e uso del suolo, dove si mostrerà la necessità di fermare la deforestazione e rendere sostenibile il sistema globale di produzione del cibo, se davvero voglimao contenere l’innalzamento della temperatura globale al disotto di 1,5 gradi centigradi.

Per gli studiosi dell’IPCC servono misure drastiche non solo in settori come energia, industria e trasporti ma anche per quanto riguarda l’uso della terra. Spazio quindi anche al tema della desertificazione e al ruolo che questa ha nei cambiamenti climatici, alle comunità vulnerabili, alla povertà e alla migrazione: tutti temi che verrano considerati e analizzati  nel rapporto in via di pubblicazione.

ADVANCED INNOVATIVE PRODUCTION SYSTEMS OF SPIRULINA MAXIMA – la frontiera delle microalghe. Se ne parlerà il 29-30/09 a Lamezia Terme

“ADVANCED INNOVATIVE PRODUCTION SYSTEMS OF SPIRULINA MAXIMA, A CASE OF BIG BANG DISRUPTION INNOVATION” è un interessante evento di innovazione sulla produzione, consumo e ricerca della Spirulina maxima, una microalga ad elevato contenuto proteico che oltre ad essere diffusa come integratore alimentare è sempre più presente nelle diete, tra cui quelle pediatriche e degli sportivi, ha diversi campi applicativi, quali cosmetica, medicina, per il contrasto a malattie degenerative, ambientale, come naturale depuratore ed altro.

L’evento si terrà il 29 e 30 settembre a Lamezia Terme presso l’agriturismo “i Risi” e comprende una company mission il 29 e una conferenza internazionale il 30.

La company mission prevede di mattina la visita presso gli impianti innovativi di produzione di Spirulina maxima di Biorisi srl e il pomeriggio incontri b2b tra imprenditori, gruppi di ricerca e istituzioni, provenienti dall’Italia, dal Regno Unito ed Israele, con partner EEN co-organizzatori dell’evento, ma anche da Argentina, Paraguay, Costa d’Avorio e diversi altri.

La conferenza internazionale prevede sia una sessione imprenditoriale che una scientifica, tra i partecipanti KALOUSTIAN JORGE ALBERTO – Presidente di Oil Fox Argentina, CHILAVERT JOSÉ LUIS – Oil Fox Paraguay, GIACOMO MATTINÒ – Head of Unit Enterprise Europe Network and Internationalisation of SMEs presso la DG Internal Market, Industry, Entrepreneurship and SMEs.

Per chi vuole partecipare è gradita la prenotazione con comunicazione ai riferimenti del Consorzio SPIN- Ricerca Innovazione e Trasferimento Tecnologico S.r.l, di seguito riportati:

+39 0984 839674 – info@spin.srl – een@consorziospin.it

Il 25 LUGLIO 2019 il ROADSHOW DI B HEROES farà tappa a RENDE presso il TALENT GARDEN – Non perdere l’occasione di partecipare. La DEADLINE È IL 12 LUGLIO!

B HEROES è un programma di accelerazione nazionale, in cui le startup partecipanti hanno a disposizione gratuitamente oltre 300 mentor e 25 aziende partner, oltre alla possibilità di raccontare la propria startup nella terza stagione dell’omonima docu-serie televisiva le cui prime due edizioni sono state trasmesse da Nove (2018) e Sky Uno (2019).

BOOST HEROES è invece una società di venture capital, che cura la fase di selezione per l’ammissione al programma Boost Heroses e gli investimenti nelle startup di B Heroes. La società ha già investito in più di 110 società, sia italiane che internazionali.

Il programma B Heroes sostiene le startup selezionate con investimenti fino a 1 MILIONE DI EURO, suddivisi in 500 mila euro per la migliore startup e almeno 50 mila euro per le altre partecipanti. Fornisce supporto gratuito da parte dei mentor e servizi gratuiti da parte delle aziende partner, visibilità televisiva e digitale.

Le tappe del Roadshow sono sia dei SELECTION DAY per il programma di accelerazione di B Heroes sia degli INVESTOR DAY, in cui le startup potranno incontrare il team di investimento di Boost Heroes, i co-investitori del network, business angel e fondi di venture capital, che valuteranno opportunità di investimento diretto nelle startup, indipendentemente dalla successiva partecipazione al programma di accelerazione.

L’iniziativa, rivolta alle imprese innovative, si svolgerà anche a Rende, il prossimo 25 luglio.

L’organizzazione valuta anche idee innovative di imprese non formalmente classificate come startup.

Puoi registrarti alla homepage di seguito riportata (tempo stimato di compilazione: 15 minuti):

NET è membro del Comitato Tecnico Scientifico dell’IPSIA A. M. Barlacchi di Crotone

Nel 2018/2019 NET ha fornito il proprio supporto tecnico-scientifico nell’istituzione di alcuni dei “Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento” attivati nell’ambito del Progetto d’Istituto dell’IPSIA A. M. Barlacchi di Crotone.

Questo ha consentito agli studenti di acquisire una visione relativamente al mondo delle innovazioni tecnologiche e di comprenderne l’importanza, sia in un’ottica di ricerca, che in una prospettiva applicativo-industriale

Nello specifico, i corsi specialistici con valenza learning by doing attivati dall’Istituto nel corso dell’anno scolastico e per i quali NET ha offerto la propria esperienza e messo a disposizione le strutture laboratoriali, sono:

–          Conoscere e usare Arduino

–          School Mapping

–          CAD Tecnico

–          Uso e manutenzione del tornio

Referente delle iniziative supportate da NET nell’ambito di questi percorsi è l’ing. Giancarlo Giaquinta, che è anche docente dell’Istituto.

Grazie a questi corsi gli allievi hanno acquisito competenze e abilità spendibili sul mercato del lavoro, con la possibilità di testare sul campo le loro reali attitudini e valutare concretamente la possibilità di trasformare un momento educativo in un futuro ed effettivo sbocco occupazionale.

i “Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento” rivestono un’importanza cruciale per la scuola e, in particolare, per un istituto professionale, che costruisce la propria peculiare offerta formativa anche in considerazione delle interazioni e delle sinergie attivabili con il contesto lavorativo esterno.

Il plauso ai risultati di tali percorsi e alle traiettorie di sviluppo dell’Istituto A.M. Barlacchi è stato esplicitato dai rappresentanti del Polo NET in giugno, in occasione della conferenza finale relativa ad un programma di vocational training sulla ciclomeccanica, supportato da Allianz e SOS Villaggi dei Bambini, che ha avuto luogo presso lo stesso Istituto..

La domanda di innovazione tecnologica, che perviene dal mondo delle imprese deve essere percepita dalle nuove generazioni come un’imperdibile occasione di sviluppo.

Workshop sulla biodiversità e il paesaggio, 4 giugno 2019, Catanzaro – Sala oro della cittadella regionale

Con  il workshop sulla biodiversità e il paesaggio, tenutosi il 4 giugno 2019, presso la cittadella regionale di Catanzaro,  ha preso avvio il focus-group delle Regioni italiane sulla biodiversità, che la Regione Calabria coordina in seno alla Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile.

I lavori sono stati introdotti dall’Ing. Allitto della Regione Calabria  e, dopo gli interventi istituzionali,  Mara Cossu del Ministero dell’Ambiente e   Nino Martino Direttore Aigae,  hannoaperto il workshop illustrando lo stato dell’arte sul tema  a livello nazionale e internazionale e lasciando i successivi approfondimenti a dirigenti dei Dipartimenti della Regione Calabria principalmente coinvolti (Ambiente, Agricoltura, Programmazione Comunitaria, Trasporti,) e ad esperti esterni come la Prof. Consuelo Nava dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria che ha affrontato il tema delle infrastrutture verdi e della biodiversità nelle aree urbane.

Il workshop è stata un’ occasione di  confronto sull’individuazione di obiettivi e azioni da sviluppare nel prossimo futuro per le politiche della biodiversità, in coerenza con i goal e i targets dell’Agenda 2030 e con gli obiettivi della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile. Le iniziative sono sostenute e realizzate nell’ambito del Progetto CReIAMO PA “Competenze e reti per l’integrazione ambientale e per il miglioramento delle organizzazioni della PA” – PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020  – Asse 1 “Sviluppo della capacità amministrativa e istituzionale per la modernizzazione della Pubblica Amministrazione”. CReIAMO PA nasce dalla necessità di superare le criticità nel governo delle politiche ambientali e accompagnare i soggetti competenti nell’affrontare i cambiamenti introdotti dalle riforme in atto coniugando i principi di tutela e salvaguardia con quelli di sviluppo e competitività, affrontando unitariamente e in maniera complementare il tema del rafforzamento della capacità amministrativa a livello locale.

Il POLO NET ha partecipato attivamente ai lavori e, nei prossimi incontri,  intende dare il proprio contributo sui temi in discussione e in particolare su temi di particolare interesse per il ruolo di Polo Ambiente e Rischi Naturali che svolge. Le tematiche d’interesse sono:  l’integrazione della biodiversità nelle politiche territoriali agricole ed energetiche, il rapporto tra biodiversità e paesaggio,  la biodiversità e l’adattamento al cambiamento climatico, il monitoraggio ambientale come strategia di tutela e salvaguardia del  patrimonio naturale della Regione.




Efficientamento Energetico Edifici dei Comuni SRAI (Strategia regionale aree interne)

E’ stato pubblicato l’avviso per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico negli edifici dei comuni inseriti nella Strategia regionale aree interne

La Regione Calabria con un impegno di oltre 21,4 milioni di euro sostiene le amministrazioni comunali calabresi inserite nella Strategia Regionale per le Aree Interne (SRAI) per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico del patrimonio edilizio.

Il Dipartimento Sviluppo Economico-Attività Produttive, infatti, ha pubblicato sul sito istituzionale l’Avviso pubblico per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico negli edifici dei comuni inseriti nella SRAI di cui alla DGR n. 215 del 05.06.2018che finanzia i comuni e unioni di comuni per interventi di:

– riduzione dei consumi di energia primaria (solo Azione 4.1.1)

– riduzione dei consumi di energia primaria (Azione 4.1.1) e contestuale installazione di sistemi per la produzione di energia da fonte rinnovabile da destinare all’autoconsumo (Azione 4.1.2).

Le risorse ammontano a complessivi €.21.420.878,00 di cui €.17.136.702,00 (80%) per l’Azione 4.1.1 ed €.4.284.176,00 (20%) per l’Azione 4.1.2.

Il contributo concesso è pari al massimo al 100% delle spese ammissibili e ciascun comune può presentare al massimo una domanda. Il valore del contributo richiesto, a pena di irricevibilità dell’istanza, dovrà essere compreso tra i 100 mila e i 500 mila euro.

Le istanze di finanziamento saranno selezionate secondo la modalità “a graduatoria” da una Commissione di Valutazione appositamente nominata.

Ai sensi dell’art. 10 dell’Avviso, il termine iniziale per la presentazione delle istanze di contributo verrà stabilito con successivo decreto.

La modulistica in formato editabile sarà resa disponibile a breve sulla pagina del portale Calabria Europa dedicata all’avviso .

http://calabriaeuropa.regione.calabria.it/website/view/news/1067/index.html

http://calabriaeuropa.regione.calabria.it/website/view/news/1067/index.html

Workshop 30.05.2019 – Ricerca & Sviluppo: opportunità per le Imprese

Workshop 30.05.2019 – Ricerca & Sviluppo: opportunità per le Imprese

Il 30 maggio ’19 la sede di Crotone del Consorzio NET S.c.ar.l., Ente Gestore del Polo di Innovazione Regionale “Ambiente e Rischi Naturali, è stato teatro di un workshop su “Ricerca e Sviluppo”, durante il quale sono state presentate e discusse nuove opportunità per le Imprese nell’ambito del POR Calabria 2014-2020, nonché i possibili strumenti di finanziamento utilizzabili nell’ambito del programma europeo per la Ricerca “Horizon2020”.

L’evento ha registrato l’affluenza consistente delle società aggregate al Consorzio NET, nonché dei diversi Organismi di Ricerca che ormai da tempo operano in sinergia con NET; importante è stata anche la partecipazione dei funzionari della Regione Calabria – Settore Ricerca e Innovazione, che si sono avvicendati nelle sessioni di lavoro per rappresentare i diversi bandi in corso e quelli di futura pubblicazione.

Il Presidente del Polo NET, Avv. Luigi Borrelli, ha avviato i lavori; ha evidenziato quel che ritiene essere il vero valore della giornata: la costituzione di un’associazione temporanea di imprese che conta circa 70 soggetti giuridici. Oltre all’UNICAL, all’università Mediterranea di RC ed al Consiglio Nazionale delle Ricerche, la “rete” conta 63 aziende private, di cui circa 15 con sede legale in altre regioni d’Italia. Il Presidente di NET ha quindi sottolineato come questa nuova aggregazione rappresenti il risultato di un importante lavoro sinergico portato avanti dal Polo per mesi. La soddisfazione del Polo passa anche dal fatto di aver potuto constatare e dimostrare che anche in Calabria si può fare gioco di squadra e che solo attraverso questa metodologia si può pensare che la ricerca e lo sviluppo, portati avanti con il contributo di fondi pubblici, possano creare valore concreto per le imprese e di conseguenza per il contesto socio-economico in cui esse operano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image-1-1920x1375.png

La parte relativa alle relazioni è stata aperta dall’Ing. Salvatore Leto, Direttore Tecnico del Consorzio NET, che ha illustrato il Progetto PARINET, progetto candidato e poi valutato positivamente dalla commissione per l’affidamento al Consorzio NET della gestione del Polo di innovazione Regionale “Ambiente e Rischi Naturali”.
La metodologia di redazione, ampiamente partecipata, i numerosi investimenti previsti, condivisi economicamente da alcune aziende aggregate, ha caratterizzato l’intervento in cui è stato sintetizzato in poche decine di minuti il processo progettuale dalla genesi alla realizzazione di molte iniziative.

Presentato dall’Ing. Giancarlo Giaquinta, Responsabile per i Servizi Specialistici, il Catalogo dei Servizi erogabili dal Polo NET. Sono stati esposti i sevizi che può fornire il polo, che riguardano principalmente le seguenti categorie: analisi e studi geologici ed idrogeologici, servizi di termografia e di diagnosi energetica, analisi e rilievi ambientali, calcolo dell’impronta ecologica – compensazione CO2, realizzazione prototipi, assistenza alla brevettazione, servizi di ingegneria, formazione.

Le opportunità offerte ai diversi partner sono stati descritti dal Dott. Pietro Milasi, Direttore generale del Consorzio NET. Inoltre, ha focalizzato l’attenzione sul significato di “essere associazione” per costruire rete e sinergie fra gli associati.

E’ stata successivamente proiettata la presentazione multimediale delle 63 aziende e dei 9 organismi di ricerca ed enti associati al Polo per dare la possibilità a tutti di conoscere le potenzialità di ogni partner dell’aggregazione.

La seconda sessione del workshop è stata dedicata alla discussione degli strumenti di finanziamento attualmente messi a disposizione a livello regionale ed europeo, grazie agli interventi dei funzionari afferenti al settore Ricerca Scientifica e Innovazione Tecnologica della Regione Calabria, il Dott. Bruno Stella (intervenuto anche in sostituzione del Dott. Luciano Raso), la Dott.ssa Maria Luisa Longo e la Dott.ssa Rosalba Maida.

In particolare, il Dott. Bruno Stella, ha esaminato in tutte le sue parti il Bando sui LivingLab: percorsi che favoriscono l’incontro e la co-progettazione di innovazione tra diversi attori del tessuto socio-economico regionale (imprese, organismi di ricerche, enti pubblici, terzo settore). I LivingLab, gestiti da Fincalabra, nell’ambito del POR Calabria FESR FSE 2014‐2020, Azione 1.3.2 “Sostegno alla generazione di soluzioni innovative aspecifici problemi di rilevanza sociale”, individuano infatti i fabbisogni di innovazione secondo un approccio bottom-up ovvero partendo dalle necessità della società civile invece che dalle necessità dettate dal mercato

La Dott.ssa Maria Luisa Longo ha presentato le opportunità di finanziamento alla Ricerca e Innovazione per le imprese calabresi nell’ambito del programma europeo Horizon2020. Partendo dall’analisi dell’attuale situazione, in cui ci sono pochi progetti calabresi vincitori su H2020 e 7FP, ha invitato le aziende alla partecipazione al bando Horizon descrivendone in modo esplicativo le modalità di presentazione domanda e di valutazione.

La Dott.ssa Rosalba Maida ha presentato l’importanza degli investimenti in infrastrutture territoriali di Ricerca, come i Poli d’Innovazione. Inoltre, ha focalizzato l’attenzione su l’importanza dell’interazione tra poli, necessaria ad assicurare una collaborazione finalizza allo sviluppo del territorio.

A fine sessione, il dott. Bruno Stella è nuovamente intervenuto evidenziando l’importanza delle attività di accompagnamento delle imprese, nell’ambito delle attività dei Poli a cui sono aggregate.
Nell’ultima sessione del workshop è stato trattato il tema dei servizi alle imprese, da parte dei rappresentanti di due aziende aggregate al Polo NET.

La Dott.ssa Claudia Calidonna, in rappresentanza di Sistemi Territoriali Srl, ha presentato il progetto “Smart Data Cloud” che si propone di condurre una ricerca mirata allo sviluppo di tecnologie innovative che consentano di indicizzare, ricercare e fruire i dati strutturati ed eterogenei con modalità innovative con l’obiettivo di avvicinare la domanda e l’offerta. E’ stato realizzato un portale “general purpose”, che contenente dati di varie tematiche e rivolto quindi ad un ampio bacino di utenza.

Il Dott. Carmine Antonio Donato, rappresentante legale di Spin Srl, ha presentato il progetto INCAME – INnovation CApacities of Mediterranean Enterprises, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito dell’azione “Establishing services enhancing the innovation management capacity of SME’s in the Enterprise Europe Network” Horizon 2020.

Dopo un ampio dibattito caratterizzato da numerose domande su aspetti specifici dei bandi da parte delle aziende ai funzionari intervenuti, ha concluso i lavori il Dott. Antonio Macrì, funzionario del settore Ricerca Scientifica e Innovazione Tecnologica della Regione Calabria, in sostituzione del Dott. Menotti Lucchetta impegnato in altra attività istituzionale, che ha sintetizzato i lavori del workshop indicando diverse possibili traettorie di sviluppo delle imprese nel settore della ricerca e dell’innovazione.

Durante i lavori sono intervenuti il Dott. Sergio Ferrari di Fincalabra, società in-house della Regione Calabria, e Ugo Pugliese, Sindaco di Crotone.

Oltre ad essere una preziosa occasione di confronto, il workshop ha rappresentato un importante momento di formazione per le imprese rispetto alle numerose opportunità esistenti per investire in ricerca e innovazione.

Rassegna stampa

ESPERIA TV. RICERCA E SVILUPPO, OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE CALABRESI

WESUD. Crotone, Ricerca & Sviluppo: opportunità per le Imprese, nasce una rete di 70 soggetti

CalabriaEconomia: Ricerca & Sviluppo: opportunità per le Imprese. Focus a Crotone

RTI CALABRIA: Intervista Luigi Borrelli e Salvatore Leto

Il Crotonese: Net a capo di 70 organismi tra aziende e centri di ricerca

Il Quotidiano del Sud: Workshop su “Ricerca e Sviluppo” e nuove opportunità per le imprese